Jackson Pollock motivazionale

di Alain Chivilò

 

Paul Jackson Pollock (Cody, 28/1/1912 – Long Island, 11/8/1956) e il suo stato d’animo per momenti di riflessioni tra arte e cultura. Alcuni storici e ricorrenti pensieri motivazionali per ogni vostro giorno di vita.

Quando dico artista intendo l’uomo che costruisce cose, creando, modellando la terra, che si tratti delle pianure dell’ovest, o del minerale di ferro di Penn. È tutto un grande gioco di costruzione: chi con il pennello, chi con la pala, chi con la penna.

Continuo ad allontanarmi dai soliti strumenti del pittore come cavalletto, tavolozza, pennelli, ecc.

I miei dipinti non hanno un centro, ma dipendono ovunque dalla stessa quantità di interesse.

È solo quando perdo il contatto con il dipinto che il risultato è un disastro. Altrimenti c’è pura armonia, un facile dare e avere, e il dipinto viene bene.

Oggi i pittori non devono occuparsi di un argomento al di fuori di se stessi. La maggior parte dei pittori moderni lavora da una fonte diversa. Funzionano dall’interno.

Non stendo quasi mai la tela prima di dipingere.

L’artista moderno […] lavora ed esprime un mondo interiore, in altre parole, esprime l’energia, il movimento e altre forze interiori.

Non lavoro partendo dai disegni. Non trasformo schizzi, disegni e schizzi a colori in un dipinto finale.

Sono molto rappresentativo alcune volte, e un po’ sempre. Ma quando dipingi dal tuo inconscio, le figure sono destinate ad emergere.

L’artista moderno lavora con lo spazio e il tempo ed esprime i suoi sentimenti piuttosto che illustrarli.

 

Jackson Pollock Pittura di Azione, Action Painting

 

©AC, NDSL, AM, Alain Chivilo

Comments are closed.