Helga Gendriesch azione

di Alain Chivilò

 

La pittrice Helga Gendriesch tra le molteplici personali in numerose Arte Fiere in territorio Tedesco, ha gentilmente rilasciato una breve intervista di tre domande al curatore, critico d’arte e giornalista dr Alain Chivilò.

NB:  © Alain Chivilò – Art Musa

Le sue opere esprimono una vitalità ed espressività contemporanee. Qual è il tuo approccio o segreto?

Sono un figlio della guerra. Nella mia vita ne ho passate tante e questa solitudine, la mancanza di sicurezza e altre situazioni hanno dato molto contenuto e personalità ai miei quadri. Sono sempre stata ansioso di dare alle mie opere anche qualcosa di positivo. Il mio motto nella vita è guardare avanti, avere il bicchiere possibilmente riempito più della metà.

Il rullo è lo strumento principale delle sue creazioni. Cosa ti dà e ti permette di più del pennello?

Il rullo mi permette di applicare con molto più temperamento e forza il colore sulla rispettiva superficie, mescolandolo meglio. Il risultato è interessante. Dipingere con il rullo su tela ha un effetto molto diverso rispetto all’applicazione della vernice su vetro o carta. Sono una persona molto impaziente quando dipingo e quindi anche il rullo si presta molto bene.

Tecnica informale, astrazione, gesto e colori sono elementi della sua espressione artistica. Quali permette quando dipinge?

Questi elementi mi danno più libertà durante la creazione, posso esprimere meglio i miei sentimenti interiori. Quando ho uno sfondo davanti a me, non so che tipo di immagine emergerà e anche questo fattore diventa molto eccitante per il mio creare Arte.

 

©AC, NDSL, AM, Alain Chivilo

Comments are closed.